coppia

 "Ciò che c'è di pericoloso nell'amore è il fatto che è un delitto nel quale non si può fare a meno di un complice".

(Charles Baudelaire)

Come tutte le mattine ero lì col mio consueto ritardo.... La metro mi sfrecciò davanti lasciando dietro di sé i binari vuoti, fu in quell'istante che il mio sguardo si incrociò con degli occhi che mi rapirono totalmente, troppo distanti ma già impressi nel mio cuore... battiti incontrollabili mi riecheggiavano in petto. Tutto iniziò a viaggiare a velocità supersonica insieme al timore che l'arrivo della metro la portasse via. A parlare non erano le parole ma i sensi e i nostri sguardi, che si libravano come frecce impazzite dirette al cuore, bastò un suo sorriso e quella freccia trafisse completamente il mio cuore lasciandomi in uno stato di confusione sommesso e imbarazzato restavo lì, immobile ma una forte e misteriosa attrazione per quella ragazza mi spinse verso il sottopassaggio per raggiungerla.

 

Navigando nel sito accetti l'uso dei cookie.