Indice articoli

Disturbi della fase dell'orgasmo

La fase dell’orgasmo è il punto massimo di piacere sessuale e dell'incremento della tensione sessuale che dura pochi secondi durante i quali si scarica la tensione con contrazioni ritmiche e la partecipazione di tutto il corpo, anche se nella coscienza soggettiva dell'orgasmo la zona pelvica e dei genitali è quella in cui si avverte maggiore piacere. L'esperienza orgasmica femminile può variare sia di intensità che di durata, mentre quella maschile le variazioni di intensità non sono rilevanti.
I più comuni problemi della fase dell’orgasmo sono anorgasmia e l’eiaculazione precoce.

L’eiaculazione precoce è tale quando si manifesta quasi immediatamente ai primi  approcci e in alcuni casi anche prima dell’erezione o alla più lieve eccitazione. Il disturbo si osserva frequentemente in personalità nevrotiche, ansiose, ossessive, soggetti che non hanno superato completamente determinate fasi evolutive della propria maturazione sessuale.

L’anorgasmia è l’incapacità di raggiungere l’orgasmo nel ciclo della reazione sessuale. Negl’uomini e nelle donne l’incapacità a raggiungere l’orgasmo può dipendere da una stimolazione inadeguata del pene o del clitoride, in altri casi anche con una adeguata stimolazione l’aspettativa ossessiva e ansiosa per il   raggiungimento dell’orgasmo, lo inibisce invece di favorirlo. E’ guardare da spettatore il rapporto sessuale in attesa dell’arrivo dell’orgasmo.


BIBLIOGRAFIA 
Helen - Singer - Kaplan, I disturbi del desiderio sessuale Ed. Mondadori 
Masters - Johnson, L'atto sessuale nell'uomo e nella donna ed. Feltrinelli 
Masters - Johnson, Il sesso e i rapporti amorosi Ed. Longanesi & C. 
Theodor Reik, Psicologia dei rapporti sessuali Ed. Feltrinelli 
Albert Ellis, Sesso senza complessi di colpa Ed. Longanesi & C

 

Navigando nel sito accetti l'uso dei cookie.